cornice
precedente Dicembre 2018 successivo
lun mar mer gio ven sab dom
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Giornata UGAI

 

 

 

Conviviale UGAI, Savona 18 Maggio 2013

 

Savona può definirsi con onore “Città dei Papi” grazie all’eredità culturale ed artistica lasciata da due grandi pontefici mecenati del Rinascimento, Sisto IV e Giulio II entrambi provenienti dalla famiglia savonese dei Della Rovere che permise alla città di essere raggiunta da “grazie particolari per l’obbligo della patria” e divenire centro di un crocevia di fervori intellettuali.

È qui che quest’anno ha luogo il Raduno UGAI, occasione per una piacevole condivisione di luoghi e atmosfere.

Programma della Giornata

 

Arrivo alle ore 10.00 con l’accoglienza delle socie del Garden Club di Savona  presso Villa Gavotti ad Albisola Superiore.

 

 

Visita guidata del giardino e degli interni della villa. La villa è completamente decorata all’esterno con i tipici affreschi delle case liguri. Fu riadattata nel 1743-46 da Francesco Maria della Rovere, ultimo doge della Repubblica genovese. All’interno si conservano ancora arredi e stucchi settecenteschi. Il giardino, con le scalinate barocche ornate da statue e vasi, con fontane e gruppi marmorei di mirabile fattura, è altamente spettacolare.

In giardino assisteremo ad una dimostrazione al tornio da parte di un maestro ceramista.

Di seguito trasferimento a Savona e arrivo alla Fortezza del Priamàr.

 

 

La fortezza del Priamàr venne fatta costruire dalla Repubblica di Genova tra il 1542 e il 1544, su progetto di G. M. Olgiati, con lo scopo di proteggere, da un lato, il proprio territorio da possibili attacchi provenienti dallo stato sabaudo e di tenere sotto controllo, dall'altro, la città di Savona che nel 1528 era stata definitivamente sottomessa. Per far posto ai poderosi bastioni, che valorizzano la posizione strategica del colle, si distrusse uno dei quartieri più importanti della città basso medievale comprendente tra l'altro, la cattedrale, il palazzo vescovile, il convento domenicano, le dieci chiese delle confraternite, il castello di S. Maria. Altre importanti trasformazioni vennero realizzate nel 1683-85 e nel corso del XVIII secolo; nella Fortezza, utilizzata in seguito come reclusorio, venne incarcerato nel 1830-31 Giuseppe Mazzini che qui ideò la Giovine Italia. Dopo un lungo periodo di abbandono e degrado sono stati avviati, dal Comune di Savona, impegnativi lavori di restauro per il recupero integrale del complesso monumentale

Alle ore 13.00 lunch offerto nell’esclusivo contesto della Sala della Sibilla con una vista panoramica unica sul Mar Ligure.

Nel primo pomeriggio, alle ore 15.45 incontro con la Professoressa Patrizia Ghigliazza che ci illustrerà il progetto dell’orto/giardino pensile sul tetto dell’Istituto tecnico P. Boselli realizzato e inaugurato lo scorso mese di giugno. Il progetto, promosso dal Garden Club di Savona,  ha suscitato un grande interesse tra i giovani alunni.

Alle ore 16.30 visita guidata della Fortezza del Priamar e della Cappella Sistina

 

 

Nel chiostro, attiguo alla cattedrale, si affaccia la Cappella Sistina, fatta costruire da Papa Sisto IV tra il 1481 e il 1483 per ospitare il mausoleo dei propri genitori, Leonardo Della Rovere e Luchina Monleone. La Cappella Sistina testimonia il felice sviluppo artistico rinascimentale della stagione roveresca a Savona, frutto dell'umanesimo colto e devoto del papa. 

La visita continua con la Cattedrale che conserva al suo interno numerose opere pittoriche di diversa provenienza e un bellissimo battistero del XV sec. oltre a un  particolare crocifisso marmoreo del Molinari a due facciate datato 1499.Il Prezioso il coro ligneo di epoca rinascimentale.

Al termine della visita partenza dei vari club.

 

Villa Faraggiana, gli Oratori e Giornata UGAI
2 giorni/1 notte
 

1° giorno, venerdì 17 maggio

Ore 11,00 Arrivo a Savona. Incontro con la guida.

Partenza per Villa Faraggiana dove avrà luogo la visita guidata.

Ore 13,30 Colazione inclusa presso la Villa.

Ore 15,30 Visita agli oratori. Sedi delle antiche Confraternite di Savona nate dalla tradizione dei Disciplinanti risalente al XIII secolo, gli Oratori vengono principalmente ricordati in relazione con la Processione Notturna del Venerdì Santo, in quanto custodiscono le "casse" processionali.

Ore 19,00 Cena e pernottamento presso l’Hotel NH Savona.

 

2° giorno, sabato 18 maggio

Prima colazione in Hotel.

Conviviale UGAI.

 

Lunigiana e Giornata UGAI

3 giorni e due notti

 

1° giorno, venerdì 17 maggio

Partenza con bus proprio e arrivo nei pressi di Sarzana.

Visita guidata del Parco di Arte Ambientale La Marrana a Monte Marcello, situato in località La Marrana. Il Parco  è fra i luoghi più interessanti in cui ammirare opere di arte ambientale realizzate da artisti internazionali. L’inizio della sua storia risale al 1997 quando Grazia e Gianni Bolongaro decisero di trasformare la loro casa di Montemarcello e l’ampio terreno che la circonda in un punto di ritrovo per gli artisti e gli appassionati d’arte contemporanea. Il programma di attività, avviato con la mostra del persiano Hossein Golba, ha un elemento caratterizzante: la creazione di opere appositamente studiate per le singole collocazioni scelte dagli artisti. La particolare attenzione al rapporto che si crea tra opera d’arte e ambiente è stato lo stimolo per la creazione del Parco e il continuo arricchimento del territorio de La Marrana, testimonianza della validità dell’idea iniziale: l’arte agisce sul paesaggio ma in modo armonico con il paesaggio stesso, fornendogli nuovi motivi di visita e fruizione.

Partenza per la Villa Pratola, degli eredi dei marchesi Remedi a Ponzano Magra, lungo la statale della Cisa, ricevute dalla Signora Giovanna Rangoni. 

Seconda colazione inclusa in questa costruzione del XVII sec. dalle linee sinuose ed eleganti.

Trasferimento a Savona.

Sistemazione presso  l’hotel NH Savona.

Cena e pernottamento in hotel.

 

2° giorno, sabato 18 maggio

Prima colazione in Hotel.

Conviviale UGAI.

Cena in locale tipico e pernottamento in hotel.

 

3° giorno 19 maggio

Prima colazione in hotel.

Trasferimento Lerici e incontro con la guida. Visita di  Villa Malaspina della Zuccarola, dove saremo accolti dall’Architetto Anna Maria Zuccarino, proprietaria della Villa.

Inserita in un contesto paesaggistico di grande fascino, la villa è circondata da un esteso parco e da un signorile giardino all'italiana che conduce all'elegante loggiato d'ingresso. Di grande interesse il salone di rappresentanza, affrescato. Tutti gli interni sono corredati da arredi d’epoca che conferiscono particolare fascino alla dimora.

Trasferimento a Sarzana e seconda colazione presso il Restaurant Loggiato Gemmi a Sarzana. Si tratta di una  pasticceria di charme situata proprio vicino alla    cattedrale,   dalla quale poi si partirà per la visita guidata del borgo antico.

Passeggiata guidata di Sarzana, a pochissimi chilometri dalla costa del Mar Ligure e dal confine con la regione Toscana. La sua posizione geografica ha fatto di Sarzana una vera e propria terra di confine, un punto di contatto tra usanze, tradizioni e storie differenti. Sono ancora individuabili le tracce del castrum romano, con la tipica disposizione dettata dal cardo e dal decumano. La città conserva tuttora l'immagine dell'originario abitato medievale, nonostante le più tarde opere di fortificazione dovute agli interventi di fortificazioni come le mura, i torrioni e la Cittadella.

Partenza e fine dei servizi.

 

La Riviera Italiana e la Giornata UGAI

3 giorni /2 notti

1° giorno, venerdì 17 maggio

Partenza con bus proprio e arrivo a Genova. Incontro con la guida  e visita di  Palazzo Nicolosio Lomellino di Strada Nuova.

Entrare a Palazzo Lomellino è come entrare  in un affascinante libro di storia. Il Palazzo venne edificato per volontà di Nicolosio Lomellino tra il 1563 e il 1569 circa, su progetto dell'architetto lombardo Giovanni Battista Castello detto il Bergamasco.
Nel 1550, per rispondere all'esigenza di alcune famiglie aristocratiche genovesi, venne disegnato un nuovo asse viario - l'odierna Via Garibaldi - per congiungere il centro medievale e le aree a levante, dando vita così ad un nuovo quartiere di magnificenza. L'antica 'Strada Nuova dei Palazzi' di fatto divenne una zona elitaria, dove l'aristocrazia della città, appagando il proprio desiderio di autocelebrazione, fece a gara nel commissionare eleganti dimore ai più importanti architetti del tempo, che poterono qui sperimentare soluzioni innovative e aggiornate. 

A seguire visita di Villa del Principe.

La più vasta e suntuosa dimora nobiliare della città di Genova, villa dell’unico Principe che Genova abbia mai avuto. Era il 1529 quando Andrea Doria, valente ammiraglio e uomo d’armi leggendario, diede il via ai lavori che avrebbero portato alla costruzione di questo meraviglioso palazzo affacciato sul Golfo di Genova.

Il giardino della Villa non è solo un giardino, un semplice complemento alla bellezza suntuosa della dimora genovese della famiglia Doria Pamphili, ma bensì è parte integrante della storia di Genova,  specchio fedele di tutte le trasformazioni. All’interno aromi e fiori di ogni sorta, pergolati, fontane, statue e colonnati ombrosi. In onore di ospiti importanti si allestivano feste, giochi e spettacoli solenni. Da allora molte volte il giardino ha cambiato forma mantenendo intatto il suo doppio ruolo di meraviglia naturale e testimonianza storica.

Al termine trasferimento a Savona. Sistemazione nell’hotel NH di Savona. Cena e pernottamento in hotel.

 

2° giorno, sabato 18 maggio

Prima colazione in Hotel.

Conviviale UGAI.

Cena in locale tipico  e pernottamento in hotel.

 

3° giorno 19 maggio

(Itinerario 1)

Prima colazione in hotel

Arrivo a Ventimiglia per la visita guidata dei Giardini Botanici Hanbury.

l territorio dei Giardini Botanici Hanbury occupa tutto il promontorio di Capo Mortola e si  estende su una superficie di circa 18 ettari.

Thomas Hanbury, dopo aver realizzato notevoli fortune in Cina con il commercio di spezie, thè e seta, trovandosi in Riviera per cura, acquistò il Podere con l’antico Palazzo ormai in rovina.

L’edificio era stato costruito nell’XI secolo dalla nobile famiglia Lanteri probabilmente sulle vestigia di una antica Villa romana. Lo sviluppo architettonico dei Giardini è indissolubilmente legato alla figura di Lodovico Winter che fu inviato dal grande vivaista

Charles Huber di Hyerès a lavorare alle dipendenze di Thomas Hanbury.

Importanti mutamenti ebbero luogo ad opera di Dorothy Hanbury, nuora del fondatore, nel periodo compreso tra il 1925 e il 1939.

A seguire visita al giardino Piacenza Boccanegra.

Il giardino si estende oggi per 4 ettari e mezzo e si sviluppa a terrazzamenti a picco sul mare.

Vi si possono distinguere tre aree principali: un uliveto, una roccaglia di piante grasse e un giardino d’acclimatazione.

Ancora oggi si prosegue con la sperimentazione botanica al suo interno, arricchendolo con esemplari provenienti da climi aridi e con andamento stagionale simile a quello mediterraneo.

Il parco rappresenta una perfetta commistione di piante spontanee e piante coltivate e, grazie alla varietà delle specie e alla caratterizzazione mediterranea, conserva anche nel periodo invernale un incredibile fascino.

Partenza e fine dei servizi.

 

(Itinerario 2)

 

In alternativa un affascinante itinerario alla scoperta della Riviera di Levante con la visita dell’Abbazia di San Fruttuoso e di quella de La Cervara

Arrivo in bus a Santa Margherita Ligure e trasferimento in barca al villaggio di San Fruttuoso, situato in una insenatura mozzafiato ai piedi del Monte di Portofino. In tarda mattinata visita de l’Abbazia di San Fruttuoso. Il villaggio si trova intorno a San Fruttuoso di Capodimonte monastero benedettino, che ha una Chiesa del X° secolo, un’abbazia del XIII° secolo e un piccolo chiostro romanico. Proseguendo lungo la costa, ci sarà anche la visita al  villaggio di Portofino.

Seconda colazione libera.

Nel primo pomeriggio si  prenderà il minibus per raggiungere lo splendidi complesso de La Cervara. La visita si snoda lungo un percorso di storia e cultura,

il Chiostro, il Giardino all' italiana, la Chiesa di San Girolamo conservano tutto il fascino discreto di un luogo che parla col silenzio della meditazione e i suoni della natura; un rifugio per il cuore, capace di evocare passioni profonde, emozioni intense. L'origine della Cervara risale all'estate del 1361, quando venne posata la prima pietra per la costruzione del nuovo monastero dedicato a San Girolamo.  Autori del progetto e primi abitanti furono i monaci benedettini ai quali, nel corso dei secoli successivi, si deve l'enorme prestigio raggiunto in tutta Europa.

 

Promotuscia Viaggi e Congressi S.r.l.

Tel.: 0761.304643 - Cell.: 346.8187972 - Mail: info@promotuscia.it

 

************************************************************************

Centro Moutan

Tenuta "La vigna"

 

L’Incontro UGAI avrà luogo il 12 maggio 2012, ospitato dal Garden Club di Viterbo

che ha incaricatol’agenzia Promotuscia (info@promotuscia.it che ha curato diverse escursioni e viaggi dell’associazione) di organizzare la giornata e ha inoltre previsto un prolungamento nei giorni precedenti o successivi con visite in luoghi di interesse botanico, storico e naturalistico della zona.

 

 

 

Viterbo, Giornata UGAI

12 maggio 2012

 

 

Programma

Arrivo alle ore 10.00 con l’accoglienza delle socie da parte del Garden Club di Viterbo presso il Centro Botanico Moutan. Visita guidata del Centro.

Il nome Moutan trae origine dal termine usato in Cina per indicare la peonia arborea ed è stato scelto per questo Centro nato nel 1993 da un profondo desiderio: conoscere tutte le varietà e le specie di peonie arboree cinesi esistenti, ricercarle nelle più remote regioni asiatiche e importarle in Europa per riunirle in un unico luogo, curarne il mantenimento e promuoverne la diffusione, la conoscenza e la protezione ovunque.

Il Centro Botanico Moutan sorge nello splendido contesto della campagna dell’alto Lazio e riunisce in un’area di circa 15 ettari la più vasta collezione al mondo di peonie arboree ed erbacee cinesi, che raccoglie circa 600 tra specie botaniche, varietà e ibridi naturali conosciuti.

Alle ore 12.00 incontro con Emanuele Bortolotti, visionario architetto che illustrerà la sua filosofia del giardino e del paesaggio. Nel suo libro "Il giardino inaspettato" lancia una sfida alla città sul tema della valorizzazione degli spazi verdi. Per l'autore esiste un enorme potenziale di piccoli spazi e aree private, aldilà delle grandi strategie di sviluppo del verde urbano, su cui è possibile lavorare in tempi brevi e tramutare in  angoli verdi, in grado di cambiare l'immagine e la fruibilità della città. Compito del paesaggista è quello di saper convertire i limiti architettonici in opportunità e produrre soluzioni innovative secondo un nuovo vocabolario che parla di tetti verdi, giardini pensili, patio, pareti vegetali, muri verdi, bosco verticale, metrobosco, orti diffusi...

Alle ore 13.00 lunch offerto nell’esclusivo contesto del Centro Botanico.

Nel pomeriggio trasferimento a La Vigna di proprietà della famiglia D’Amico nel suggestivo contesto dei Calanchi.

La Vigna è un articolato e rigoglioso giardino in contrasto con il nudo paesaggio dei Calanchi in cui è immerso. Protagonisti assoluti sono gli innumerevoli arbusti e le rose dalle fioriture eleganti e profumate, copiosamente distribuite nel giardino, tra i cespugli topiati, e persino nel vigneto: una pianta in testa ad ogni filare, secondo un’antica e saggia tradizione contadina.

A conclusione della visita vi sarà una degustazione dell’ottimo vino prodotto dalla famiglia D’Amico, nelle sontuose cantine.

Creata dal grande architetto Luca Brasini, è scavata sotto le vigne e i giardini sospesi, mantenendo così la temperatura ideale di 16°. L'idea nasce da una cantina di origine etrusca già esistente nella proprietà e che oggi conserva la stessa funzione. La cantina operativa è divisa in due parti, la più antica, in tufo, una pietra locale,con degli archi immensi, dove il vino riposa in botti di legno di rovere al suono della musica classica e la più nuova, dove il vino viene immottigliato e eticchettato, circondata da grandi colonne che fanno da biblioteca.

Al termine della visita partenza dei vari club.

 

 

 

Estensioni.

 

Palazzi e Giardini in Tuscia

3 giorni /2 notti

Un tour esclusivo che privilegia Residenze private d’eccezione aperte dai proprietari in occasione dell’incontro U.G.A.I.

 

 

La Tuscia e i Giardini dei Calanchi

3 giorni 2 notti

Un tour che privilegia giardini botanici privati e raffinati con superbi affacci

sulla rupe di Orvieto e lo straniato paesaggio dei Calanchi

* Suggerimento di itinerario per i club che arrivano dal Nord Italia

 

 

La Campagna Romana

3 giorni 2 notti

Un itinerario che si snoda attraverso la campagna a Nord di Roma, che ci svela residenze e giardini di pregio storico e lunga tradizione.

* Suggerimento di itinerario per i club che arrivano dal Sud Italia

 
Per prenotazioni e informazioni rivolgersi a Promotuscia, e-mail: info@promotuscia.it