cornice
precedente Dicembre 2018 successivo
lun mar mer gio ven sab dom
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Eventi UGAI

2 Febbraio 2012

 

II° PROPOSTA PER BRUGNATO

a cura del Garden Club la Spezia

 

Proposte progettuali per la sistemazione della cappella della Madonna dell’ulivo e del giardino del Palazzo Comunale.

Lo stato dei luoghi

la cappelletta

I progetti

 

 

*La cappelletta compitale della Madonna dell’olivo è una recente realizzazione che ospita una maestà più antica posta a segnalare l’accesso alla strada che conduce al santuario dedicato alla Vergine che si festeggia il Lunedì dell’Angelo. Sembra piantata su un basamento di calcestruzzo e poi rifinita in pietre e mattoni con copertura dallo spiovente molto sporgente.

 

Cercherei di segnalare il nodo stradale con alberi a portamento colonnare come nella vicina cappella cimiteriale di Borghetto di Vara e metterei a dimora un olivo per ricordare la dedicazione della cappella. Per ornare l’edificio penserei ad un rampicante che, tuttavia a causa del basamento di cemento non può essere messo a contatto con la cappella. Un traliccio a forma di pergola potrebbe sostenerlo e farlo ricadere sull’edificio creando una sorta di quinta scenografica. Sistemerei minimamente l’intorno con arbusti bassi e delimiterei l’area con un muretto a secco che faccia anche da seduta.

 

 

*Altro punto è l’ingresso del palazzo comunale e il giardino laterale, con il monumento che delimita lo spazio e il fronte della casa privata con le finestre ed il terrazzo sul giardino. Il distacco tra le proprietà è marcato da un fosso di scolo che sarà opportunamente schermato con una siepe. Ancora da considerare il fronte laterale del palazzo comunale, il muro di cinta con i vasi ornamentali ed il muretto che delimita l’area del giardino.

Per l’area del Palazzo comunale ripristinerei gli arredi esistenti che fanno parte del precedente giardino dell’edificio, risalente alla prima metà del 1900. Per quanto riguarda le scale dell’ingresso principale, le ciotole dovrebbero contenere dei sempreverdi, possibilmente potati a volumetria regolare, piena e sagomati a cuscino data la forma del contenitore, in modo da contrastare con il portamento prostrato e ricadente delle bordure laterali. Lo stesso portamento regolare, ma qui più sferico, dovrebbero avere anche le essenze da mettere a dimora nei vasi sistemati lungo il muretto. Si dovrebbe ridimensionare la magnolia e contrapporle dal lato opposto un alberello da fiore sistemato sul retro delle panchine esistenti.

Il tema più rilevante è dato dal monumento a ponticello con sottostante catino. La cosa migliore sarebbe ripristinare e far funzionare la fonte ornandola con specie acquatiche. Sarebbe interessante poter far scendere l’acqua lungo il pilastro del monumento per creare un effetto di movimento, previa protezione della struttura in cemento.

Se la fonte non fosse realizzabile il prof. Paola suggeriva un tappeto di graminacee ad imitazione dell’acqua, in quel caso il pilastro del monumento potrebbe essere ornato con un rampicante, cosa che farei anche per il ponte per ingentilire la rigidezza del cemento armato a vista.

Metterei a dimora dei gruppi di arbusti colorati in corrispondenza del bordo della vasca. Dovrebbero avere un aspetto mosso e scomposto. Quindi si provvederà al rifacimento del prato. previo impianto d’irrigazione e qualche luce. Devo ricordare che sul fianco della casa adiacente esiste un fosso che va conservato e magari delimitato con una siepe potata che faccia da parapetto.

Il lato maggiore dell’area affaccia ad occidente, quindi è molto soleggiato durante l’estate, inoltre i vasi non sono sufficienti ad ornare decorosamente il muretto che, per altro, dall’interno è molto basso. Il fronte composto dalla grande magnolia e dal ponte con fontana, in cemento armato, non danno quell’idea di organicità che tutto sommato il palazzo, sia pure in modo essenziale, manifesta. Inoltre sul fondo la casa, con grande terrazzo a tasca e vedute sull’area, non permette la messa a dimora di grandi alberature, da contrapporre alla magnolia, ma piuttosto di un alberello spogliante da fiore, tipo prunus o malus fluribonda, magari affiancato da qualche acero, per avere una colorazione autunnale.

A mio avviso la soluzione del problema potrebbe essere la collocazione di un graticcio in legno, o meglio, in ferro che riproporzionasse gli elementi compositivi esistenti, muro e vasi. Potrebbe essere ancorato al muretto risolvendo anche il problema della modesta altezza dall’interno, pericolosa per i bambini. 

Un rampicante, anche misto, potrebbe rendere omogeneo il prospetto sulla piazza ed offrire un dignitoso fondale.

 

Arch. Roberto Ghelfi

 

 

 

 

I° PROPOSTA PER BRUGNATO

a cura del Garden Club la Spezia

 

Foto Brugnato

Da Mercoledì 11 Gennaio 2012 a Mercoledì 15 Febbraio 2012

Tema: Restauro Verde

Luogo: Brugnato (SP)

Messina, 11 gennaio 2012

 
A tutti i Presidenti,
 
ho ricevuto ieri comunicazioni da Maria Aloe relativamente alla promessa partecipazione dei Club UGAI al movimento di viva solidarietà venutosi a manifestare in tutta Italia a seguito dei gravissimi disastri che hanno colpito lo scorso ottobre la Regione Liguria.
Tali comunicazioni si riferiscono alla realizzazione di un progetto di recupero di un piccolo Parco giochi, nel comune di Brugnato.
 
Il progetto stilato da esperti risulta molto dettagliato e riguarda il recupero dell’area in toto, cominciando dalla sistemazione del terreno (devastato da detriti e fango) fino alla messa in opera delle piante e degli arredi destinati ai giochi dei bambini (a questo proposito troverete in allegato uno schema essenziale del progetto e alcune fotografie che illustrano lo stato attuale delle cose).
 
La nostra partecipazione proposta a tutti voi con la lettera del 26 novembre scorso sarà indirizzata, come indicato, al ripristino dell’arredo verde, contribuendo, ciascun club secondo le proprie disponibilità, a dare nuovamente ai bambini la possibilità di trascorrere il tempo dei giochi in un ambiente accogliente e sereno che ne cancelli il ricordo dei recenti disastri.
 
A questo scopo vi sollecito ad inviare il vostro contributo tramite bonifico alle solite coordinate bancarie:
 
UNICREDITM1576 IT 18P0200816531000010942514
 
riferito a: U.G.A.I. UNIONE GARDEN CLUB,
 
specificando “SOSTEGNO LIGURIA” oltre al nome del Club ordinante.
 
Vi chiedo di effettuare il versamento entro il 15 di febbraio al  fine di rendere disponibile una somma adeguata a sostenere le spese necessarie per provvedere alla realizzazione del nuovo giardino entro l’inizio della primavera.
 
Contando come sempre nella vostra sensibilità e certa che l’emotività suscitata dagli eventi trascorsi non sarà già stata superata, complice il recente periodo festivo, vi invito a un gesto generoso, inviandovi i più affettuosi saluti,
 
Flora Salleo

MALTEMPO IN LIGURIA

"A nome di tutti i Presidenti e i Soci dei Garden Club UGAI, esprimo dolore e sconcerto per i disastri verificatisi in questi giorni in Liguria, significando i nostri sentimenti di partecipazione e vicinanza alle Presidenti Maria Aloe e Franca Lavagna e ai Soci tutti dei club di La Spezia e Savona vittime di eventi climatici di incredibile violenza, apportatori di lutti e gravissimi disagi che si protrarranno, purtroppo, ancora per giorni.

Ritengo di potermi fare portavoce di tutti gli associati nell’offrire disponibilità per sostenere gli aiuti che le Presidenti riterranno validi al fine di operare il recupero dell’ambiente duramente stravolto, partecipando materialmente alle iniziative che verranno prese a tale proposito.Unita a tutti i Soci UGAI in un grande abbraccio di partecipazione affettuosa, attendo, appena possibile, notizie."

Flora Salleo

 

"Ringrazio anche a nome del Consiglio direttivo la presidente signora Flora Salleo e tutti i Presidenti UGAI per le espressioni di solidarietà e amicizia che ci sono pervenute a seguito della tragedia umana e ambientale che ha infierito sulla nostra Provincia il giorno 25 ottobre ultimo scorso.

E' di conforto l'ammirevole spirito di gruppo che nasce dalla comune e sentita attenzione per  l'Ambiente naturale e per la sua conservazione.

Grazie care amiche e amici UGAI."

Maria Aloe Della Valle, Garden Club La Spezia

 

"Un sentito ringraziamento per le parole che esprimono una grande amicizia e solidarietà. Fortunatamente, per ora, la zona di Savona e provincia non ha subito gravi danni alle persone e all'ambiente come purtroppo avvenuto nel Levante ligure. Grazie ancora, a nome  di tutti i soci, per l’affettuosa partecipazione di tutti i garden club."

Franca Lavagna, Garden Club Savona

 

"Facendo seguito alla precedente lettera nella quale partecipavamo la nostra solidarietà ai Soci dei Club liguri offrendo il nostro aiuto anche materiale per ovviare, nelle nostre possibilità, al recupero di qualche zona di verde cittadino, e sapendo nel frattempo che l’area maggiormente colpita  dal gravissimo evento è la provincia di La Spezia, ho preso contatto con Maria Aloe la quale già a suo tempo aveva  ringraziato me per tutti voi per la nostra affettuosa partecipazione per la terribile calamità.
 
Ho saputo oggi da Maria che il Club La Spezia ha istituito un Comitato di emergenza il quale ha individuato nel paese di Brugnato l’intervento da eseguire appena vi saranno effettuati  i recuperi più urgenti. Tali interventi saranno rivolti in particolare   al giardinetto dell’asilo municipale, per ora scomparso, per il quale il sindaco suggerisce la messa a dimora di un salice, pianta di rapida crescita e amata dai bambini. E’ inoltre programmata la sistemazione di un piccolo parco giochi comunale per la realizzazione del quale verrà approntato un progettino recante lo schema  dei manufatti e l’indicazione delle piante da mettere a dimora.
 
Appena tutto questo sarà pronto Maria ne darà comunicazione che vi verrà inoltrata immediatamente.
Mi auguro che il tutto  accada al più presto e che noi “gardenisti” possiamo ridare a quei bambini un po’ di gioia e di speranza entro la primavera quando le gemme dei nuovi alberi riveleranno il loro  verde messaggio augurale.
 
Ringrazio sempre a nome di tutti Maria Aloe per la sua dedizione, per la sua nota sensibilità e per il lavoro che sta svolgendo per noi tutti."
 
Flora Salleo